Inaugurazione dell’Impianto di Depurazione Spello-Castellaccio: Un Passo Avanti per l’Ambiente

Inaugurazione dell’Impianto di Depurazione Spello-Castellaccio: Un Passo Avanti per l’Ambiente

L’Intervento di Adeguamento alla Direttiva 91/271 si Conclude con l’Inaugurazione dell’Impianto

Mercoledì 3 aprile, alle ore 11, segnerà un momento importante per la comunità di Spello-Castellaccio. In questa data e ora, infatti, è prevista l’inaugurazione del loro impianto di depurazione, che ha recentemente subito un intervento di adeguamento in conformità alla direttiva 91/271. Questa direttiva regola il trattamento appropriato delle acque reflue, un aspetto fondamentale per la tutela dell’ambiente e della salute pubblica.

L’intervento di adeguamento è stato commissionato dall’A.U.R.I. (Autorità Umbra Rifiuti e Idrico) e ha comportato un investimento complessivo di 2 milioni e 750 mila euro. Di questi, 2 milioni di euro sono stati finanziati attraverso il riutilizzo delle economie del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC), precedentemente noto come FAS, da parte della Regione Umbria. I restanti 750 mila euro sono stati forniti dalla VUS SpA, che ha anche gestito l’appalto e seguito tutte le fasi esecutive del progetto.

L’inaugurazione dell’impianto rappresenta la conclusione di questo importante intervento di adeguamento e vedrà la partecipazione del sindaco di Spello, Moreno Landrini, insieme ai rappresentanti delle istituzioni e degli enti che hanno collaborato alla realizzazione dell’intervento. Questo evento sottolinea l’impegno della comunità di Spello-Castellaccio e delle autorità locali nella promozione di pratiche sostenibili e nel rispetto delle normative ambientali.

L’inaugurazione dell’impianto di depurazione Spello-Castellaccio rappresenta un passo significativo verso un futuro più verde e sostenibile per la comunità. Con l’adeguamento dell’impianto alla direttiva 91/271, Spello-Castellaccio dimostra il suo impegno nella tutela dell’ambiente e nella promozione di un approccio sostenibile alla gestione delle risorse idriche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*