Grido allarme ipotesi chiusura punto vendita Grancasa Spello

“Serve un’azione congiunta per la salvaguardia del lavoro

Grido allarme ipotesi chiusura punto vendita Grancasa Spello

Siamo in forte apprensione per il futuro del punto vendita di Grancasa di Spello che sta rischiando la chiusura”: a lanciare un grido di allarme è il sindaco Moreno Landrini che nel farsi portavoce della preoccupazione dei lavoratori riporta l’attenzione sulle condizioni di una realtà storica del territorio – il Mercatorne Umbria s.r.l. del gruppo Grancasa –  dove sono impiegati 25 dipendenti che rischierebbero di trovarsi a breve senza lavoro. “Seguiamo con grande attenzione l’evolversi della situazione di una significativa attività commerciale aperta nel novembre del 1999 e per anni punto di riferimento del settore – commenta il primo cittadino –. Sul tavolo c’è il futuro di 25 dipendenti, per lo più storici e con un’età media di 50 anni, i quali devono affrontare anche tutte le ansie e le difficoltà legate a un impiego sempre più precario che in questi ultimi cinque anni ha visto il ricorso agli ammortizzatori sociali con una conseguente riduzione dell’orario di lavoro e del salario”. “Lanciamo un appello alla proprietà affinché metta in atto ogni azione per la salvaguardia del lavoro e dell’attività e, contestualmente, chiediamo una mobilitazione congiunta di tutte le parti sociali coinvolte e soprattutto l’intervento della Regione Umbria per trovare una soluzione concreta”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*