Spello, primarie Pd, Fastellini: “Ecco perché mi candido”

Domenica 2 marzo si svolgeranno anche a Spello le primarie per l’individuazione del candidato sindaco del Pd e del centrosinistra cittadino. Enzo Fastellini è uno dei quattro candidati.

Nato a Bastia Umbra nel 1957, risiede a Spello ed è impiegato pubblico presso la Corte di Appello di Perugia. E’ approdato in consiglio comunale nel ’99 svolgendo per una legislatura il ruolo di consigliere comunale ed ha ricoperto il ruolo di assessore alle politiche sociali, scuola e giovani nelle legislature successive.

Enzo Fastellini spiega  le ragioni della candidatura: “in primis – dice – per non deludere le aspettative dei tanti sostenitori. L’onestà la trasparenza, la sincerità, la disponibilità, l’umiltà di ascoltare, la continua ricerca del sapere sono valori e principi dei quali ne ho sempre fatto punti cardine della mia vita, che assommati all’esperienza amministrativa (mai abbastanza) acquisita in questi anni di impegno politico, che con stima e fiducia mi ha riconosciuto sia il partito che i tanti cittadini, hanno fatto maturare in me la disponibilità alla candidatura per il bene comune della nostra comunità spellana. Spello è un contenitore di bellezze, di storia, di cultura, è un territorio ed un paesaggio dove lo stile di vita associativo, solidale e accogliente la fanno da padrone e tutti noi cittadini, orgogliosamente e con fermezza, dobbiamo sempre mantenere, difendere, custodire, salvaguardare e vivere. Vorrei che fosse più dinamica, in crescita, proiettata verso l’europeismo con progetti innovativi che possano migliorare sempre più lo stile di vita di chi ci abita e tenendo sempre ben presenti le opportunità finanziarie che possono arrivare dalla Regione o dall’Europa”.

“Mi sono candidato – conclude Enzo Fastellini – con la speranza di vincere le primarie, ma se questo non dovesse avversarsi, comunico fin d’ora che non avanzerò alcuna richiesta se non quella di mettermi a disposizione del Partito per le varie attività”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*