Cannara, positivo all’alcoltest causa un incidente e minaccia i Carabinieri

 
Chiama o scrivi in redazione


Cannara, positivo all’alcoltest causa un incidente e minaccia i Carabinieri

Cannara, positivo all’alcoltest causa un incidente e minaccia i Carabinieri

La scorsa notte a Cannara un 50enne noto ai Carabinieri, residente nel comune umbro, è stato arrestato per l’ipotesi di reato di minaccia,  resistenza a pubblico ufficiale e guida in stato di ebbrezza dai militari della Stazione di Cannara. L’uomo dopo aver provocato un incidente stradale in via Assisi, nonostante l’alt imposto dai Carabinieri, si è rimesso alla guida della propria autovettura, con il parabrezza rotto, fuggendo nonostante i ripetuti inviti a fermarsi.

I militari sono quindi saliti sulla gazzella, ma nemmeno i lampeggianti e la paletta sventolata fuori dal finestrino hanno spinto l’uomo a fermarsi o, quanto meno, a rendersi conto della situazione. La  fuga a forte velocità tra le strade cittadine è continuata, all’incirca per un chilometro, quando lo scoppio di uno pneumatico provocava scintille sul manto stradale e faceva perdere il controllo del veicolo all’uomo. Prontamente raggiunto e bloccato dai militari, lo stesso evidenziava condizioni psico-fisiche verosimilmente alterate dovute alla probabile assunzione di sostanze alcoliche.

L’uomo, sottoposto alla prova dell’etilometro, è risultato positivo con un tasso alcolemico di 1.93 g/l, quasi quattro volte superiore al limite massimo consentito, con conseguente denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Spoleto e ritiro della patente di guida.
Visto il suo forte stato di agitazione però si è reso necessario l’intervento di una seconda pattuglia e, durante la redazione degli atti, anche in presenza di alcune persone del vicinato che, attratte dalle urla, si erano affacciate alle finestre ed ai balconi, il 50enne ha tenuto comportamenti oltraggiosi proferendo ripetute minacce ai militari.

È scattato così l’arresto in flagranza di reato nei confronti del soggetto che, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, veniva accompagnato presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari fino al giudizio direttissimo, celebrato lunedì mattina davanti al giudice del dibattimento, che convalidava l’arresto, sottoponendo l’uomo all’obbligo di firma.

Nel corso delle ultime due settimane, i serratissimi controlli alla circolazione stradale effettuati dai Carabinieri della Stazione Carabinieri di Cannara hanno inoltre permesso di contestare numerose infrazioni al Codice della Strada per uso del telefono cellulare durante la guida, mancato uso delle cinture di sicurezza, sorpasso nelle intersezioni e violazione dell’obbligo di fermarsi e dare precedenza.  L’esito dei controlli stradali a Cannara è di due denunce, un sequestro, tre patenti ritirate, 40 punti decurtati e 3 sanzioni amministrative per violazione della normativa relativa al contenimento della diffusione del contagio da Covid-19.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*