Intervista al nuovo presidente Asso Arcobaleno di Spello Giulio Proietti Bocchini……

L'Arcobaleno di Spello è un'associazione no profit che nasce ben 30 anni fa

 
Chiama o scrivi in redazione


Intervista al nuovo presidente Asso Arcobaleno di Spello Giulio Proietti Bocchini……
Giulio Proietti Bocchini

Intervista al neo presidente Asso Arcobaleno Spello Giulio Proietti Bocchini

di Lorenzo Spinosi

1 ) Complimenti per il nuovo incarico, oneri ed onori, ci racconta quando e come nasce L Arcobaleno ed il suo percorso nell’ associazione?

L’Arcobaleno di Spello è un’associazione no profit che nasce ben 30 anni fa (1992) per volontà di un assessore e una consigliera del Comune di Spello; non rivelo la loro identità solo per motivi di privacy, ma a loro va tutta la nostra riconoscenza. Furono dei pionieri e “facilitatori” per la costituzione di una relatà necessaria ad accogliere persone bisognose di aiuto e per dare un sostegno alle rispettive famiglie di appartenenza.
Ho inziato da bambino a frequentare miei coetanei che avevano evidenti difficoltà motorie e non solo; mi sono avvicinato a loro come fa un bambino che non capisce perchè un suo compagno di scuola possa essere così “diverso”, ma anche sfortunato… la vicinanza a questi compagni mi ha fatto capire in seguito quante risorse serbassero e quanta ricchezza avessero da dare al prossimo; così nel 1996 entrai nell’Associazione Arcobaleno e da quel momento non ne sono più uscito.

2) Quanto l Associazione Arcobaleno in questi anni ha operato in una logica di Bene comune?

In questi anni abbiamo affrontato molte difficoltà soprattutto di natura economica, chi oggi lavora all’Arcobaleno ha uno stipendio da lavoratore dipendente e impiega tutte le proprie risorse e le proprie conoscenze a favore degli utenti che ogni giorno frequentano la nostra struttura. Ma non è stato sempre così, abbiamo e abbiamo avuto sempre l’incertezza sul futuro (anche prossimo) della nostra Associazioni. Poter dare sollievo alle famiglie che hanno in casa una persona disabile è una vera missione per noi, è un obbligo sociale e umano, per questo esistiamo.
Credo fortemente in questo e con il CdA ci impegniamo costantemente affinchè si possa continuare a garantire quotidianamente un servizio all’altezza delle esigenze e delle aspettative.

3 ) Presidente raccoglie un testimone importante, ci dice un pensiero per la Presidente uscente?

La particolarità della nostra Associazione è quella di aver operato sempre con profonda diligenza, rispetto per il prossimo e soprattutto in silenzio. Un silenzio costruttivo; importante per noi è l’aver costruito relazioni interpersonali solide e durature, con il territorio, con gli altri Comuni da cui provengono i nostri ragazzi e aver crecato di mantenere invariata la “loro” serenità…. ecco a Maria Pia (presidente uscente), riconosco questo, l’aver operato con grande rettitudine nel rispetto delle persone e delle cose, ma soprattutto ad esclusivo beneficio dei nostri utenti in un clima di grande sentita umanità, come solo una brava madre di famiglia sa fare!

4) Quali progetti ci sono Presidente in questo periodo visto la situazione difficile?

E’ un momento molto difficile non solo per noi, ma direi soprattutto per noi. La pandemia ha colpito fortemente anche le strutture che, come la nostra, operano spesso in rapporto uno ad uno e in contatto stretto in un clima di socializzazione totale. Siamo stati costretti ad interrompere le attività in presenza – durante i loockdown – e questo ha compromesso il nostro sistema organizzativo e quello delle famiglie soprattutto…. non appena possibile però abbiamo riaperto e la scorsa estate abbiamo effettuato un servizio prolungato proprio per permettere un recupero in termini di tempo e di azioni.
Il nostro è un servizio aperto ai disabili residenti nel Comune di Spello e dei Comuni della zona sociale 8 (capofila Foligno), per questo siamo sostenuti dalla Regione dell’Umbria tramite il Comune di Foligno e dal Comune di Spello a cui va tutta la nostra riconoscenza. Un grande supporto ci è dato inoltre dalla Parrocchia di S. Maria Maggiore che ci ospita nella nostra “Casa” senza la quale l’Arcobaleno non esisterebbe. Sempre grati a tutte le persone, le associazioni che ogni anno pensano a noi con offerte e sostegni di vario genere. Un grazie anche ai volontari che frequentano il laboratorio affiancando i nostri operatori.
Il nostro principale “progetto” per il futuro è riuscire a consolidare lo stato attuale, ovvero riuscire a garantire la sussistenza alla vita del laboratorio e quindi dell’Associazione in un momento critico in cui tutto (o quasi) sembra essere messo in discussione e dunque vacillare. L’Arcobaleno ha una storia trentennale, è una realtà che serve e che soddisfa bisogni umani e primari, per questo tutto il mio e il nostro impegno è rivolto alla sua duratura attività e sussistenza.

5) Ci fa un augurio per l’anno appena iniziato ed un invito per chi non conosce l Arcobaleno per prendere contatti e sostenere le iniziative dell’ Associazione?

Con l’inizio del nuovo anno voglio in primis ringraziare con ampia riconoscenza il lavoro svolto dal nostro operatore responsabile Maurizio Ronchetti che ha iniziato il suo pensionamento concludendo il suo operato lo scorso 31 dicembre. A lui dobbiamo la nascita e la crescita di questo laboratorio e soprattutto la tenacia con la quale ha sempre sostenuto l’intera attività, in particolare nei momenti più difficili nei quali abbiamo fatto squadra e ci siamo sostenuti a vicenda. Non è stato facile, lo riconosco ma ci siamo riusciti!
Per chi ancora non conosce la nostra Associazione posso rinviare al sito www.http://www.assarcobalenospello.it/ dove ci sono le informazioni generali e di contatto.
Ringrazio i nostri operatori che ogni giorni sposano la causa dell’Arcobaleno che da sempre è quella di creare un ponte tra le diversità, un legame tra chi ha e chi può ricevere in una clima di reciprocità e di aiuto. Noi aspettiamo tutti coloro che vorranno sostenere la nostra missione a favore di persone diversamente abili, pronte a stupire, tutto e tutti!

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*