RipuliAmo il Subasio, anche lavatrici e climatizzatori tra le cose raccolte

 
Chiama o scrivi in redazione


RipuliAmo il Subasio, anche lavatrici e climatizzatori tra le cose raccolte

(Riceviamo e pubblichiamo)
Nella giornata di oggi, domenica 13 Giugno 2021, un gruppo di Cacciatori e semplici cittadini, capitanati dalla Federazione Italiana della Caccia, Sez. Comunale di Spello, ha organizzato una giornata ecologica presso il Monte Subasio per ripulirlo dai rifiuti abbandonati. Tale iniziativa vuole essere anche una risposta ai continui attacchi mediatici dell’estremismo ambientalista, che attribuisce alla figura del Cacciatore la responsabilità e la nomina di distruttore dell’ambiente.

Tanto per rendere l’idea del duro lavoro svolto dai circa 40 volontari durante tutta la mattinata, sono stati rinvenuti, differenziati e messi a disposizione della VUS per il ritiro, rifiuti quali: Bottiglie di vetro, plastica di ogni genere, lavatrici, batterie per auto, materassi, divani, guaina catramata, damigiane, gomme di auto, di trattori, di camion, ecc…. più di 100 cartoni vuoti di vino da tavola, condizionatori, legni di mobili, ferro di ogni sorta, un motocarro pieno di sacchi di bossoli di cartucce da tiro al piattello non utilizzate per la caccia (nei prossimi giorni sarà fatta regolare denuncia verso ignoti) ed infine numerosi pannelli di eternit che non sono stati rimossi per ovvie questioni di sicurezza, ma che saranno segnalati alle autorità competenti. Nella giornata di Lunedì 14 e Martedì 15 Giugno, la VUS come da accordi presi con la Federcaccia, provvederà a rimuovere il tutto.

La Federcaccia invita tutti i cittadini a rispettare l’ambiente e a sfruttare un servizio di smaltimento di rifiuti esistente, comodo e funzionante, quale l’isola ecologica di Foligno.
Invita altresì a segnalare e denunciare alle autorità locali, individui che in maniera inappropriata depositano rifiuti in aree non consentite. Si ringraziano tutti i partecipanti che hanno preso parte a questa iniziativa.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*