Ricostruzione, 190mila Euro per recupero di Porta Urbica a Spello

Ricostruzione, 190mila Euro per recupero di Porta Urbica a Spello

Ricostruzione, 190mila Euro per recupero di Porta Urbica a Spello

*La Conferenza regionale dell’Umbria ha segnato un passo avanti nella ricostruzione post-sisma del 2016, approvando quattro progetti di recupero pubblico per un totale di 253mila euro. Tra questi, spiccano i lavori di riparazione e risanamento conservativo della storica Porta Urbica di Spello, un intervento di rilevanza storica e culturale che riceverà un finanziamento di 190mila euro.*

*I progetti definitivi comprendono anche la camera mortuaria del Cimitero di San Giacomo a Spoleto (21mila euro), la camera mortuaria del cimitero di Eggi, frazione di Spoleto (21mila euro), e la camera mortuaria del Cimitero di Valle San Martino a Spoleto (21mila euro). Tali interventi mirano a ripristinare e consolidare strutture colpite dal sisma, contribuendo al recupero e al rafforzamento delle comunità locali.*

*Il focus principale dell’investimento riguarda Spello, con lavori concentrati sul tratto di mura urbane lungo via Roma, dove si erge la storica Porta Urbica di età romana, nota anche come Porta di San Ventura. Questa struttura rappresenta uno degli ingressi più significativi al centro storico di Spello.*

*Il Commissario alla Riparazione e Ricostruzione sisma 2016, Guido Castelli, ha dichiarato che l’approvazione di questi progetti dimostra il cambio di passo nella ricostruzione, orientato a tradurre rapidamente le progettazioni in cantieri. Castelli ha evidenziato l’impegno continuo e collaborativo della Regione, guidato dalla Presidente Tesei e dal direttore dell’Ufficio speciale ricostruzione Stefano Nodessi Proietti, insieme a tutto il personale dell’Usr e agli enti territoriali.*

*Il Commissario ha sottolineato il lavoro incessante e coordinato sia nella ricostruzione pubblica che in quella privata, confermando che l’impegno per il recupero delle comunità colpite dal sisma continua senza sosta.*

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*