Luoghi 15. Salita, Don Sergio Andreoli

LUOGHI 15. SALITA

don Sergio Andreoli

Quando c’è di mezzo un po’ di sciatica e un po’ di stanchezza anche la salita di Via Cavour mette pensiero e ti obbliga a fermarti ogni tanto, per riprendere forza.

Non era così, quando avevi molti, molti anni in meno.

Questo vuol dire che non è l’ambiente che si deve adattare a te, ma tu devi tener conto del luogo in cui abiti, di quello che frequenti, per vedere di non combinare guai al tuo scheletro e ai tuoi muscoli.

Anche se porti il busto – approfitto, per ricordarti che va messo e va tolto, stando disteso sul letto -, non vuol dire che puoi esagerare nella lunghezza del passo in salita.

Rischieresti di cadere.

Che figura faresti con gli spellani?

E i turisti come reagirebbero?

Ma, soprattutto, tu, che motivazione daresti a chi ti dice sempre di rallentare il passo, andare piano, non correre?

Coraggio, comunque!

La salita è un simbolo di tutta la tua impresa terrena.

In ogni campo devi salire.

In quello culturale, sicuramente.

In quello spirituale, soprattutto.

Dillo in giro a chi pensa solo a navigare in pianura, nella mediocrità.

donsergiose@gmail.com

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
30 × 14 =