Cannara: La cultura ha bisogno di verità e conoscenza

 
Chiama o scrivi in redazione


Cannara: La cultura ha bisogno di verità e conoscenza

Cannara: La cultura ha bisogno di verità e conoscenza
È davvero cosi difficile dire la verità? Sì perché con bugie e omissioni si tenta di coprire il nulla di questa amministrazione a zero opere

dall’Associazione Valore Comune di Cannara
Raccontare il patrimonio culturale di una comunità presuppone la conoscenza e l’ amore per il proprio paese,oggettività e passione, senza piegare i fatti al proprio tornaconto. Il museo città di Cannara è stato inaugurato e aperto al pubblico nel maggio 2009 dopo un complesso lavoro di ristrutturazione e riqualificazione dell ‘ ex convento delle Salesiane, nel cuore del centro storico.

Fiore all’occhiello del museo lo splendido mosaico delle terme, collocato per la prima volta e definitivamente a Cannara nel 2009, dopo la scoperta dello stesso nel corso degli scavi voluti dal Prof. Giovanni Bizzozzero.
Il mosaico e un’altra serie di reperti di varie epoche, provengono dalla zona archeologica di Urvinum Hortense in seguito alle campagne di scavo ben 16 fino al 2013, sempre con la direzione scientifica del Prof. Maurizio Matteini Chiari dell’ Università degli studi di Perugia.

È appena il caso di ricordare , ma solo ai meno attenti, che l’ avvento del museo,per gli attuali rappresentanti protempore del comune, fin da subito ha costituito il pretesto per denunce e voti contrari ad ogni atto riguardante il museo.

In sintesi:
Denuncia alla corte dei conti risoltasi con la piena assoluzione di chi fortemente aveva voluto il museo, assoluzione con annessi costi legali per la comunità di circa 9000 euro.
Voto contrario per l’ingresso di Cannara nel circuito regionale Terre e Musei ( delibera di consiglio comunale n.22 del 24/5/2013 contrari Gareggia e Pastorelli)
Astensione sul finanziamento per gli scavi da parte della fondazione cassa di risparmio di Perugia ( delibera di consiglio n. 35 del 26/7/2013 astenuti Gareggia Pastorelli Santegidi).
E oggi? La plateale faccia tosta di arrogarsi meriti non propri.

Una delle sale del museo è dedicata al Concerto musicale Francesco Morlacchi, il complesso bandistico attivo ininterrottamente da 173 anni e non 160 come erroneamente riportato dall’ autore dell’ articolo apparso sul corriere dell’ Umbria; sarebbe da capire a quali ” fonti” ha attinto, visto che la Banda ha anche festeggiato con un libro i 170 anni. Il museo fin dalla sua apertura è stato utilizzato per mostre temporanee, eventi culturali,riprese televisive e per laboratori didattici e creativi..

È davvero cosi difficile dire la verità? Sì perché con bugie e omissioni si tenta di coprire il nulla di questa amministrazione a zero opere: tranne la colonnina per la ricarica delle auto elettriche, pomposamente inaugurata e rimossa nel corso della stessa giornata. Per amore di verità e per Cannara.

Cannara

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*