Luoghi 5. Assisi, Don Sergio Andreoli

 
Chiama o scrivi in redazione


LUOGHI 5. ASSISI, don Sergio Andreoli

© Protetto da Copyright DMCA

Essendo vissuto per quattro anni al Pontificio Seminario Regionale “Pio XI”, mi considero un po’ assisano.
Se poi penso che sono nato a Borgo Castello di Cannara, allora la mia appartenenza alla Città di San Francesco, si consolida; Cannara, infatti, fa parte della Diocesi assisana ed è indissolubilmente legata alla figura del Poverello.
Non lo sapevate?
Leggete qualcosa nelle Fonti Francescane.
Assisi ha tutto.
Non le – Assisi vuole il femminile, come ogni altra città – manca nulla.
Neppure la salita, che caratterizza Spello, luogo incantevole.
Soprattutto possiede la forza di incantare anche i più duri di cuore e i sempre distratti.
Francesco, Chiara, Rufino e tanti altri sono presenti e operanti, come testimoni di Gesù Cristo,
unico Dio con il Padre e lo Spirito Santo.
Se vi andate, portatevi un taccuino, per segnare le cose, che nel prossimo viaggio non dovete più vedere, avendone tante, ma tante!, da contemplare in silenzio devoto e commosso.
Non trattate, però, le Chiesa, come Musei; rispettatele anche con il vostro abbigliamento – lo dico a voi, donne, in particolare! -.
Se disponete di tempo sufficiente, sedetevi dove volete, anche all’aperto, e fate silenzio dentro di voi, guardando con gli occhi della fantasia quello che vi ha particolarmente impressionato nel giro turistico e devozionale, che state facendo.
Impresse indelebilmente nella vostra memoria, le immagini torneranno al momento giusto a consolarvi, ma anche a interrogarvi e mettervi in discussione.
Coraggio!
Non siete mica bambini, che non sanno dare il giusto valore ad un’opera d’arte e non sanno distinguere un Santo da un Eroe!
Sappiate, in ogni caso, che Assisi vuol dire anche Santa Maria degli Angeli, Le Carceri, Rivotorto e altri luoghi segnati dalla presenza di Francesco; come, del resto, Foligno.
Se vi limiterete a visitare le Basiliche di San Francesco e di Santa Chiara, non pretendete, poi, di andare a dire in giro – magari in quel di Torino – che avete visitato e ormai conoscete Assisi.
Ce ne vuole di tempo, per portare a termine questa altissima operazione intellettuale e spirituale!
donsergiose@gmail.com

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*