Sandra Ceppitelli si dimette dal CDA Fondazione Irre di Cannara

 
Chiama o scrivi in redazione


Sandra Ceppitelli si dimette dal CDA Fondazione Irre di Cannara

Sandra Ceppitelli si dimette dal CDA Fondazione Irre di Cannara

Sandra Ceppitelli si è dimessa dal CDA Fondazione Irre di Cannara. La comunicazione è arrivata alla nostra redazione dopo la mezzanotte. Pubblichiamo l’intervento integrale della ex consigliera Ceppitelli, dove spiega il motivo delle sue dimssioni

“Questa mattina (ieri ndr) ho rassegnato le dimissioni da consigliere di amministrazione della Fondazione IRRE Cannara, l’ente che gestisce la scuola dell’infanzia e la farmacia di Cannara, due servizi importantissimi per la nostra comunità. E’ una decisione alla quale mi sento costretta visto il perdurare di un metodo di lavoro nuovo dopo la trasformazione dell’ente pubblico in ente privato. Il metodo di lavoro adottato dal CdA dopo questo passaggio è per me inaccettabile:

  • vengo costantemente esclusa dall’elaborazione dei progetti e dalla fase decisionale, da notare, come ultimo esempio, il diniego a spostare l’orario del CdA del 02/09/2020 dalle ore 15 per problemi lavorativi della sottoscritta;
  • Le pratiche non vengono istruite nell’ufficio ma in altre sedi e per questo non consultabili prima del Consiglio;
  • Non si adottano bandi e criteri sia per l’affidamento dei lavori che per la selezione del personale trasparenti e visibili a tutti;
  • Le decisioni avvengono prima di stabilire le regole che le dovrebbero determinare in particolar modo per quanto riguarda le assunzioni e gli incarichi a ditte e professionisti.

Per queste motivazioni ho deciso di concludere anticipatamente questa mia esperienza perché non voglio legare il mio nome a metodi e a scelte che non condivido e che non rispecchiano, secondo il mio sentire, i criteri di una buona e trasparente gestione di beni che appartengono a tutti i cittadini cannaresi e che vanno difesi con maggiore attenzione da possibili interessi privati. Spero, comunque, di aver dato, in questi anni, un contributo alla crescita dell’Ente e che il mio modus operandi  venga raccolto dal nuovo CdA, quale esso sia.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*