Sabato 2 dicembre il convegno sul tema la rete e i social network

In serata lo show dei “Lucchettino” direttamente da Zelig

Sabato 2 dicembre il convegno sul tema la rete e i social network

SPELLO –  Rafforzare  la consapevolezza  sui rischi nascosti nel mondo del web. Sarà questo l’obiettivo del convegno in programma il 2 dicembre alle 10 al teatro Subasio di Spello dal titolo “La rete e i social network: una grande opportunità o  anche un pericolo?” aperto ai ragazzi, ai genitori ed agli educatori che vogliono approfondire il tema di un utilizzo sicuro del web.

L’incontro va a completare una serie di incontri già avviati nei mesi scorsi dall’associazione Amici di Spello, la sezione di Foligno dell’Associazione nazionale Cavalieri della Repubblica,  in collaborazione con l’Istituto comprensivo Galileo Ferraris di Spello e Comune di Spello sul tema del bullismo  e cyber bullismo che ha registrato un ampio consenso fornendo notizie e strumenti utili per combattere questo fenomeno in preoccupante diffusione.

Il convegno vedrà la partecipazione di relatori di grande livello ed esperti del settore, che ogni giorno si trovano ad affrontare questi problemi che vedono coinvolte sempre di più le giovani generazioni.

Saranno presenti: il Procuratore generale della Corte di Appello di Ancona Sergio Sottani: il prefetto Francesco Tagliente; il responsabile della campagne di comunicazione sui rischi e pericoli della rete per i minori per conto della polizia postale e della comunicazioni Marco Valerio Cervellini. Coordinano i lavori le psicologhe Valentina Bellini e Gloria Vitali. L’ingresso al convegno è gratuito.

Come consuetudine la giornata si concluderà con un momento da trascorrere insieme in allegria con “Una serata magica al teatro”.  Alle 21.30 al teatro Subasio andranno in scena i “Lucchettino” famosi per gli sketch magici e clowneschi a Zelig Circus.  I biglietti, al costo 10 euro  a posto unico, sono acquistabili online sul sito www.amicidispello.it oppure presso il Bar La Chiona e Nazza Parrucchieri di Spello.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*