Valore Comune Cannara sul teatro, il Sindaco si appropria del lavoro altrui

Nel 2010, la giunta Petrini, per qualificare ulteriormente la struttura ha presentato un progetto alla Regione Umbria

Valore Comune Cannara sul teatro, il Sindaco si appropria del lavoro altrui

Valore Comune Cannara sul teatro, il Sindaco si appropria del lavoro altrui
Dall’Associazione Valore Comune Cannara
CANNARA – In merito ad una nota, apparsa nei giorni scorsi, sul teatro di Cannara, riteniamo opportuno ricordare alcuni fatti precisi a fronte di molte bugie. Fino al 2012 il comune di Cannara ha organizzato ben 14 stagioni teatrali, in collaborazione con associazioni culturali regionali, riportando in vita un contenitore culturale di vitale importanza per la realtà cannarese, coinvolgendo centinaia di cittadini, bambini, intere famiglie. Tra le presenze di punta basti ricordare quelle di Ficarra e Picone. L’interesse per il teatro portava ad organizzare laboratori per le scuole, nell’ambito dell’accordo di programma con Medi Krajem e con Roberto Biselli.

Nel 2010, la giunta Petrini, per qualificare ulteriormente la struttura ha presentato un progetto alla Regione Umbria nell’ambito del piano triennale per le opere pubbliche, progetto finanziato per € 166.400 con cofinanziamento comunale di € 41.600 per un totale di € 208.000. Il progetto prevedeva il miglioramento sismico, il rifacimento del tetto in legno, la realizzazione dei camerini, il rifacimento degli impianti ed una migliore organizzazione della sala regia e luci. Il progetto fu avversato e dileggiato dall’attuale sindaco pro-tempore, allora all’opposizione, che etichettò il sindaco Petrini come una novella Maria Antonietta.

I lavori sono iniziati a maggio 2013 e sarebbero terminati alla scadenza del mandato, se a settembre 2013 l’attuale maggioranza non avesse interrotto il mandato dell’amministrazione Petrini con commissariamento del Comune, ad opera tra gli altri di Gareggia e del Pd. Il teatro è stato inaugurato a ottobre 2015, ben 2 anni dopo! Chi ha dunque spento le luci del teatro Thesorieri?

Panzane come il presunto risparmio sull’utilizzo del contributo regionale; stranamente però i camerini non sono stati completati e sono stati utilizzati ulteriori fondi che erano stati erogati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, durante l’amministrazione Petrini, per la riqualificazione del parco XXV aprile. Quindi obiettivo voluto e raggiunto da chi? Il Sindaco ha la memoria corta e si appropria del lavoro e delle scelte altrui!!! Valore Comune comunque, proprio perché ha sempre creduto nell’importanza di un contenitore culturale come il teatro, accoglie con grande apprezzamento la ripresa delle attività all’interno del Thesorieri e ringrazia l’Associazione Free Time, che ne ha curato il cartellone.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*